l’angolo di pasquino

a cura di Flavio Grassi

24 nov 2018
M’è giunta voce che l’arnia s’è ingrandita
e finalmente c’è presenza assai gradita
Nun me ne vojiano l’artri pe sta cosa
ma do er benvenuto prima alle quote rosa
Ce voleva un po’ de fard e de rossetto !
qui se parlava solo de kom e de rocchetto
So arivate api da tutto lo stivale
se po’ di che questa è un’arnia nazionale
A chi va piano m’aggrego volentieri
ma tira’ er collo num è nei miei pensieri
Se poi mai ve dovesse servì quarche panino
chiamate pure e chiedete de Pasquino
BENVENUTI A TUTTI

6 novembre 2018
Ce stava un tempo un’ape diavoletto
che gnitanto mannava foto pe diletto
Arivo’ er giorno in cui poveretto
Je dissero ahi lui : “tu sei in difetto”
Da oggi in poi pe lui sarà censura
E janno organizzato na rando in clausura
Mo te lo ‘mmaggini dentro ar monastero
contornato da tutto quanto er clero ?
Sentì parla’ de Creato de Cosmo e de ciò ch’è VERO
pe lui che l’universo è solo un buco nero

27 novembre 2018
Ma tu perché vai in bici ? Mo te lo spiego
È soprattutto perché me piace nun lo nego
Pe confrontamme ogni vorta cor mio ego
quanno fatico, stringo li denti , ma nun me piego
Perché pe me er senso della vita
è scavalla’ sempre la prossima salita
Ariva’ in cima dopo ave’ sofferto
ma sentimme cor core un po’ più aperto
Ciò  che me ripaga è quer che c’ho de fronte
quanno m’affaccio dar cucuzzolo der monte
Riempimme l’occhi , gioi’ pe quell’impresa
e poté dì : “finarmente mo’ è discesa”

30 novembre 2018
S’è arzata na sommossa popolare
condivisa da tutto quanto  l’arveare
Er popolo borbotta e se dispera
perche’ arivole Claudio com’ era
Tutti quanti aspettavano le sette
p’er suo buongiorno condito da du tette
C’è gente che la sera se fa du grappe
perché nun c’ha la bonanotte co le chiappe
Se chiede basta a tutta sta censura
che qui la questione se fa dura
Volemo la riabilitazione presto e tosto
anziché vive in quest’oblio direi piuttosto

30 novembre 2018
Quer che a Pasquino de certo nun j’avanza
è de tenesse quarche peso sulla panza
Se c’è quarcosa che poco m’arrovella
lo metto in rima o ce scrivo na novella
Pe molti so solo na statua fatta de marmo
buttato in quer cantone zitto e fermo
P’er popolo incazzato però so l’unica voce
pe protesta’ de quer che nun je piace 
Ce  chi scrive ciò che nun va de proprio pugno
e quando passa me l’appicica sur grugno,
Se c’hai da baccaja’ porta “n fojietto
me trovi sempre ar solito angoletto
Sempre sincero ,de core e mai meschino
bonasera a tutti…….vostro Pasquino

4 dicembre 2018
Posso pedala’ accostannome più a destra
ma posso fa’ ben poco se guidi senza testa
O come dici tu me do leva’ dar cazzo
quanno me sfiori e strilli come ‘n pazzo
Ma se me piji pe me nun c’e’ domani
ma saro’ solo na notizia pe’ li quotidiani
Tu cerca de guida’ co le mani sur volante
e senza distrazioni che purtroppo ormai so tante
Se te sei fatto un par de litri o te metti in moto stanco
pe me ce sara’ solo un ber lenzolo bianco

13 dicembre 2018
Sarà l’aria der natale e dell’addobbi co le palle
se le api se so arzate co le smanie belle calle
Sarà l’odor de panettone o della vojia  de torrone
a fa smove a sta maniera tutto sto testosterone
Ricordate che a natale se festeggia er bambinello
e nun è certo la festa della topa e dell’uccello

15 dicembre 2018
Manco a primavera lo sciame è così in fermento
che scusate tanto ma me pare arrapamemto
Sembra che l’api siano in gran pericolo
a rischio c’è er pungijione perpendicolo
Quarcuno dice che sia na specie in estinzione
forse è pe questo che vedo vojia de riproduzione
Le prime apette se so già chiuse in clausura
e ce so quelle che tentano d’apri’ la serratura 
Volate via dall’arnia in un volo assai scomposto
ma co la speranza de rientra’ tutte in quer ber posto

15 dicembre 2918
CHI VO’ CAPI’ …..CAPISCHI!!!
Se sa’ che le parole c’hanno un peso
che po’ varia’ se quer che se vo’ dì nun s’è compreso
Se nelle proprie idee se resta arcigni
arisurtano pesanti come i macigni
Bisogna guardasse “n faccia a cor sereno
e cerca’ de alleggeri’ sto peso quantomeno
Se l’incomprensioni erigono su un muro allora c’è bisogno d’en ber ponte pe guarda’ ar futuro
Nessuno resta indietro ad un’ostacolo
perché tutti insieme se fa questo spettacolo

17 dicembre 2018
Lo stambecco
Solo dar nome che porta sta pora bestia
sa’ già  che sarà vittima de molestia
E se ‘ nbastasse già questa sventura
c”ha tra le corna più grosse che poi trova’ in natura
De stadisgrazia lui ormai se sente servo
ma s’ariconsola quanno incontra quarche cervo
Ma ancor de più quanno becca er cacciatore
Che lo vorrebbe come trofeo pe quarche ammiratore
Tu me voi spara’ perché io so curnuto ?
ma aritorna de corsa da ‘ndove sei venuto
Prima che io soddisfi co le mie corna le tue vojie
Vatte a controlla’ quer che sta a fa’ tu mojie

22 dicembre 2018
La libertà nun sta’ ner nun paga’ le tasse
come inneggiano l”agitatori delle masse
O circondasse de ogni beneficio
se’r giorno appresso tocca torna’ in ufficio
La libertà vor di sta bene co se stessi
e fa’ quer dice la capoccia senza resta’ perplessi
Ciò che pe l’artri po’ sembra’ follia
ma alla fine te riempie er core de magia
La libertà te la devi conquista’ e poi difenne
a costo de rimettece le penne

23 dicembre 2018
L’ostinato è quello che ce sbatte sempre la capoccia
ma alla fine po’ scavarca’ quarsiasi roccia
Quello che nun s’abbatte ar primo fallimento
perché c’ha la volontà ch’è più dura der cemento
È quello che s’affanna pe’ raggiunge ogni suo scopo
quanno e’ alimentato dalla passione e dar suo fuoco
Nessun traguardo po’ essejie precluso
e de vive nun potrà mai di d’essese illuso

24 dicembre 2018
Ce voleva nell’arveare un tocco de dorcezza
accompagnato pure da’n filo de bellezza
Un bacione grosso all’apette pasticcere
gran pedalatrici e pure toste e battajiere
Sete l’orgojio de sto sciame giallo nero
e ner divve questo sappiate so’ sincero

Ce voleva nell’arveare un tocco de dorcezza
accompagnato pure da’n filo de bellezza
Un bacione grosso all’apette pasticcere
gran pedalatrici e pure toste e battajiere
Sete l’orgojio de sto sciame giallo nero

25 dicembre 2018
E dopo l’abbuffata der ventiquattro  a sera
bisogna rimagna’ pe na giornata intera
Co l’animo felice pe li doni ricevuti e la speranza
che alla fine de sti giorni nun sia cresciuta ancor  de più la panza
So giorni dedicati alla famijia e ar convivia’
Quindi ve auguro buon natale prima de inizia’ a magna’
e ner divve questo sappiate so’ sincero

25 dicembre 2018
Alla tua gentil richiesta io adesso te risponno
perché me chedii de parla de l’affetti de sto monno
A comincia’ dar calore che poi trova’ in famijia
e come n’abbraccio che na madre da’ a na fijia
Appresso me chiedi quer che penso riguardo all’amicizia
e quella la poi trova’ soprattutto dove nun cova la malizia
N’amico è quello che quanno te confidi te sta a sentì
ma se c’hai torto dice pure :”che cazzo stai a di ? “
La speranza è quella che ce fa arza’ tutte le mattine
e alimenta er desiderio che ciò che nun va’ un giorno abbia fine
L’amore qianno ariva lo devi pijia’ come na manna
ma questo è solo quer che penso io mia cara Arianna

29 dicembre 2018
È ora de lasciasse dietro pure quest’anno
è fasse trova’ pronti pe le novità che ariveranno
A le speranze finora in petto custodite
e ancora mai realizzate perché tradite
L’augurio è che ve se schiudano i cassetti
e pijino vita tutti li vostri sogni e li progetti
Nun lasciate che quarche desiderio resti insoluto
ma lottate perché ogni ostacolo venga abbattuto
Nessun traguardo a voi ve sia precluso
e de soddisfazioni possiate fanne abuso
Che possa germojia’ come fa’ er seme
lo spirito de libertà e der condivide assieme
Che possa esse n’anno ricco de gioje e de successi
e sopratutto che ve faccia sta bene co voi stessi
Se sardi ancor de più quest’amicizia e che pure ne arrivino de nove
Tanti auguri api che possa esse pe tutti  un felice  duemiladiciannove.

31 dicembre 2018
Da sempre l’omo s’è misurato co la forza
pe fa vede’ de che pasta è fatta la sua scorza
Ma co l’evoluzione o forse pe corpa der progresso
ha fatto confusione tra la bicicletta e’r sesso
Se un tempo la virilità era questione da misura’ in centimetri
mo nun sei omo se nun fai ventimila armeno de chilometri
Prima era questione de chi era più sverto a cala’ le braghe
adesso pe li kom sur sedere se contano le piaghe
Ce sta chi dopo un gran tour è già appagato
e chi rimane soddisfatto solo dopo ave’ trombato

6 gennaio 2019
C’è n’apetta abbandonata e in gran fermento
perché e’ da un po che teme er tradimento
Dopo tanta devozione e pure sacrifici
pare che lui preferisca a lei la bici
Ma forse nun è solo pe sta cosa
ma perché s’è cominciato a vestì pure de rosa
S’aritrova sola e senza più na compagnia
perché lui va a fa’ er trenino inzieme a chicchessia
Pare che je piaccia fasse pijia’ a frustate
quanno un ceffo molisano fa le sgasate
Ma nun teme’ le corna mia cara apetta
perché lui sa che a casa c’è sempre  chi l’aspetta

14 aprile 2019

La prima randonee’ dell’api è stata battezzata
e s’è de bon auspicio bisogna di pure bagnata
A tenella ‘n braccio er padrino e la madrina
niente de meno che l’omo dei ghiacci e l’ape Marina
Da quarched’uno verrà sicuramente ricordata
pe l’improvvisa e abbondante grandinata
Ognuno ha stretto i denti e tanto ha faticato
pe poté dì a l’APISILENTIUM io c’ho pedalato
Se potrebbe di eravamo in pochi si ma tutti bboni
nun fraintendano l’apette ma tutti coi cojioni
Un grazie grande ar gruppo perugino
esempio d’unita ma soprattutto p’er bon vino
Mai vista tanta gente venuta da ogni dove
attacca’ er pedale e partì decisa pure se piove
Ciccia ar culo a chi nun l’ha voluta fa’
e alla prossima vorta a chi nun c’è potuto sta